Storie dalla strada a sei corsie

| 11 commenti

Sai, quando si vive in una strada a sei corsie anche le cose normali sembrano strane. Perché quando uno passa veloce con la macchina, sempre che il traffico non lo costringa a fissare per ore l’adesivo "champoluc è monterosa ski", appiccicato sul bagagliaio della Clio davanti, a perenne celebrazione di un capodanno sicuramente memorabile, ma dicevo, quando uno passa di lì pensa che chi vive nella strada a sei corsie si teletrasporti direttamente dal portone alla macchina. Nessuno cammina in una strada così, a meno che non sia proprio necessario. L’unico negozio interessante è "Il Paradiso dello sport", un posto che porticinon si visita proprio tutti i giorni, anche perché c’è un limite fisiologico alle paia di scarponi e attacchi che si possono comprare in una stagione. A meno che tu non sia un azzurro di sci, ma allora gli scarponi te li danno gratis, non li vai a comprare, tanto meno al "Paradiso dello sport". Si, ci sono dei bar, ma non di quelli che ci passi la giornata, un caffé e via. Io neppure quello, il caffé non mi piace. E poi alle otto sono già chiusi.
Quindi sembra strano che alle novemmezza di una sera qualunque ritorni a casa, con l’ego viziato oltre i suoi meriti, e incontri una, due, dieci persone che passeggiano sotto le atroci luci gialle che illuminano i portici. C’era pure un tizio che faceva acrobazie con la bici, come in una Venice Beach a sei corsie. Son piccolezze, lo so, ma notevoli. Non ci siamo abituati, noi che viviamo in una strada di passaggio, una di quelle linee rette e lunghe che solo la toponomastica riesce a collocare in un quartiere. Perciò non ti stupire se, passeggiando di sera in una strada a sei corsie, un estraneo ti saluta, come si vede ormai solo sui sentieri di montagna. Probabilmente vive lì, ed è sorpreso più di te.

11 Comments

  1. MA SCHERZI??? puoi andare tutti i giorni a vedere la vetrina del concessionario KAWASAKI e controllare che il dado di sostegno del radiatore di quello Z1000 arancione non si sia nottetempo svitato ;-)))

  2. o puoi sempre andare al mercatino dell’usato dietro casa tua, c’e’ sempre un sacco di roba da provarsi!! Oppure, affacciarti e vedere lo spettacolare incidente di stasera o controllare se i treni sono in perfetto orario e se non lo sono fare reclamo alla trenitalia…

  3. uahahahahaha sei un genio! Bellissimo post. E’ molto probabile incrocerai qualcun altro che alzerà la mano in segno di saluto. O é il papa o sono io…

  4. Belin, va a finire che adesso la strada a sei corsie mi diventa di moda, con Tambu che se ne sta sotto casa mia a sabotare le moto altrui, Roja che compra vestiti usati di colori sempre più improbabili e Mullmuzzler che girella allegramente impartendo benedizioni urbi et orbi. 😉

  5. scherzi??? non vivrei mai in un posto così orrendo ;-PPPrrr

  6. eh, ma non parlavo di viverci! non lo consiglierei a nessuno, nemmeno a te, Tambu! 😉

  7. hey…tv a sei canali…ma che città è …aspetta che provo ad indovinare Bologna???

  8. guarda, eccoti un indizio: l’ho scritto sulla colonna dei link 😉

  9. e anche su uno dei monoscopi del template!

  10. C’hai pure la casa dello studente, lì vicino, che c’è tanta patata…

  11. si, forse capisco cosa intendi col tuo gergo ricercato 😉 ma vedi, la casa è un po’ come un centro commerciale, se vuoi guardare le vetrine devi entrare…

Rispondi

-->