Sakura

| 20 commenti

sakuraL’altro giorno, mentre camminavo per le strade della mia città sotto una pioggia infame, ho notato dei ciliegi in fiore. Dopo averli compulsivamente fotografati col cellulare, non ho potuto evitare di pensare per l’ennesima volta a ciò che è successo e che sta succedendo tuttora in Giappone.

Sakura, in giapponese, è il ciliegio. La fioritura dei ciliegi è uno degli eventi sociali più sentiti laggiù, tanto che i telegiornali iniziano a trasmettere speciali bollettini meteo che indicano, sulla cartina del paese, i punti in cui i ciliegi sono prossimi alla fioritura.

Di più, indicano, man mano che le temperature si alzano, le previsioni di fioritura degli alberi, come i nostri bernacca fanno per i fronti di alta e bassa pressione: dalle aree più calde e meridionali del Giappone, in cui di solito può iniziare già a fine Gennaio, fino alle più fredde zone settentrionali. A Tokyo, di norma, i ciliegi fioriscono verso fine marzo o inizio aprile, a seconda degli anni.

Ora, quindi.

I fiori di ciliegio, secondo la tradizione buddista, simboleggiano la natura effimera della vita. Un monito reso quest’anno ben più consistente da terremoti, tsunami e pericoli nucelari vari.

I Giapponesi vanno pazzi per i ciliegi in fiore. Ci sbroccano davvero e amano farci pic-nic sotto. Tutti i parchi più importanti sono disegnati per raggiungere l’apice della loro bellezza proprio in questo periodo. Sarà forse per questo motivo che i giardini del palazzo imperiale, lo scorso luglio, mi sono sembrati piatti e anonimi. Forse ero semplicemente capitato nel mese sbagliato. Oppure è perché ho un gusto così occidentalmente pacchiano.

Il periodo della Sakura è unanimentemente riconosciuto come il migliore in cui visitare il Giappone. Per i ciliegi, e per il fottuto caldo umido che invece c’è d’estate. Ma più per i ciliegi.
Certo, quest’anno i giapponesi hanno altro da fare che guardare i ciliegi fiorire. E le loro cartine in tv, probabilmente, sono occupate da altri tipi di grafici e numeri. Ma a me mi piace pensare che la mia prossima visita laggiù possa essere in un marzo fresco e assolato, senza radiazioni in giro, le case ricostruite e le ferite rimarginate, per quanto possibile.

E i ciliegi in fiore, naturalmente.

20 Comments

  1. sarebbe bellissimo tornarci di primavera…

  2. mi piacerebbe moltissimo, e lo sai.
    la situazione laggiù mi riempie di tristezza, per quello che vedo in tv e per quello che rivedo nella mia memoria, qualche mese fa. non so perché quel posto m'è entrato così tanto dentro, ma dal momento che le cose stanno così, non posso farci molto. e sarà sempre mio desiderio tornarci, e vedere finalmente i ciliegi fioriti.

  3. Ce lo auguriamo tutti: un viaggio in Giappone, senza radiazione nell'aria, senza più macerie in terra

  4. io ho avuto la fortuna di essere in giappone durante il cherry blossom, molto affascinante, poetico, pazzo, bellissimo, come solo il giappone.
    Ma ancora piu' pazzo e' aver visto il cherry blossom a Toronto l'anno scorso!

  5. @historiavbc: per non parlare di chi in giappone ci sta già, ma non sa dove vivere….

    @dedee: ti invidio. per il giappone, non per toronto, che allora c'è pure a genova la fioritura…

  6. a Toronto mi ha colpito perchè c'erano molti giapponesi nel parco che si comportavano come avrebbero fatto in patria (decine di minuti a fissare un fiore, centinaia di foto….)

  7. eri ubriaco mentre scrivevi?

  8. e tu mentre scrivevi questo commento, o il precedente?

  9. ah ho capito, sei simpatica a correggere le mie bozze, un po' meno a correggermi i post già pubblicati.

  10. Non so perché alcuni posti ci entrino particolarmente nel cuore. A me è successa la stessa cosa (del tutto inaspettatamente) col Messico.
    Forse è una questione di esperienze fatte durante il viaggio; oppure (a questo punto non dubito più di niente) di vite precedenti. Mah…
    Blixxxa

  11. Io nella mia vita precedente ero un parroco francese.

  12. @ Fry: hai fatto l’ipnosi regressiva?
    Io sì. Ero un pastore (di pecore, non di anime) irlandese del ‘700

  13. No, mai fatto ipnosi, anche se mi piacerebbe. Non saprei a chi rivolgermi…

  14. ipnosi regressiva? figata, anche se non ci credo, mi piacerebbe sapere cosa si inventa la mia mente (anche se qualche idea ce l'ho già da alcuni sogni ricorrenti)
    @Blixxxa: pastore irlandese, la razza canina?

  15. @ Dedee: No, pastore a due zampe, altresì detto uomo. Non so se quello che ho visto durante la seduta sia realmente accaduto, non lo posso sapere. Però il messaggio che è uscito dal “film” era bellissimo, e così prendo quello per buono.
    Comunque è stato stranissimo vedere queste cose scorrermi nella mente e percepire le sensazioni legate agli eventi dell’ipotetica vita passata. Non è per niente un’esperienza passiva

    @ Fry: io ho la fortuna di avere una cugina psicologa, che sperimenta, oltre alle tecniche tradizionali, anche quelle un po’ più non-convenzionali, tipo appunto l’ipnosi (regressiva e non). ma non credo sia l’unica…

  16. P.s. come si fa ad andare a capo nei commenti, evitando l’inutile papocchio???
    Blixxxa

  17. il giappone mi è entrato nel cuore ma era già presente prima, se non avessi avutol'oocasione di partecipare al viaggio del teatro di pilli, il giappone era già in cima alla mia lista dei viaggi da fare assolutamente.

    non so, l'ipnosi regressiva potrebbe incuriosirmi, ma come cosa da provare, non ripongo grande interesse nella faccenda, come del resto nno mi importava granché di fare bungee jumping prima di saltare da una gru. ed è stata una delle esperienze più particolari della mia vita…

  18. io l'ipnosi l'ho provata in uno dei miei fallimentari tentativi di smettere di fumare annissimi fa. Mi costò 250 mila lire o euro, non ricordo che il 250. Mi avevano detto che ci volevano due o tre sedute. La trovai una cagata epocale e mi irritai di aver speso così tanti soldi per un buffone del genere. E dire che era molto famoso! La cosa più ridicola è che feci finta di essere ipnotizzata per l'imbarazzo che provavo. Assurdo. Comunque ora che ci penso ho l'impressione di aver già scritto un commento simile proprio in questo blog.

  19. Secondo me nella tua vita precedente eri una donna che cercava di smettere di fumare guardando nelle sue vite future tramite l’ipnosi progressiva.

Rispondi

-->