Può piovere per sempre?

| 37 commenti

Certe volte va che arriva pure il temporale, che ci mancava solo quello, a ben vedere. Va che ti piove addosso per qualche secondo, e le gocce ti scendono dalle guance, come fossero lacrime, ma meno salate. Però tu lo sai che non sono lacrime, non le tue, almeno. Certe sere va che la pioggia non è roba tua, bagna tutti quelli che ti stanno intorno, ma tu stai lì e guardi, come solo tu hai imparato a fare, da sotto la tenda di un bar. Perché lo sai che quella non è la tua pioggia, stasera non tocca a te. Non sono le tue lacrime, non oggi.

Certe sere cade anche un po’ di grandine, perché in sere come questa non ci vogliamo far mancare proprio nulla. E tu ci provi a gridare "ragazzi, venite qui, sotto la tenda, che ci ripariamo tutti assieme", ma nessuno ti sente. E tu te ne stai lì da solo, al solito, a vedere gli altri che corrono in circolo coprendosi la testa con le mani. E mentre senti il rumore dei chicchi che picchiano sulle lamiere delle auto in sosta, ti viene il dubbio che magari la grandine non fa poi così male, quando ti cade addosso. Che una volta o l’altra dovresti provare pure tu, a sentire l’effetto che fa. Ma non stasera.

Certe sere cadono i fulmini, ma mica come nei proverbi. Certi fulmini cadono due, tre, mille volte, sempre nello stesso punto. Perché i proverbi sono una gran bella cosa, ti danno sicurezza. Ma alla fine i fulmini mica li conoscono, i proverbi.
E tu stai lì, sotto la solita tenda del bar. Che guardi e ascolti, perché altro non puoi fare. E certo che ti dispiace, per chi è stato colpito, ma sotto sotto sei contento che quello non era il tuo fulmine, non stasera. Che essere egoisti è una gran brutta cosa, ma, a volte, è un modo come un altro per tirare avanti.

E che è facile citare i film e dire che "non può piovere per sempre". Che è una gran bella frase, lo ammetto, ma certe sere è difficile immaginare il sereno. E anche se pronunci frasi ad effetto, per quanto tu possa esserne persuaso, non è detto che le persone che hai intorno ci credano. Perché a volte il brutto tempo sembra non dover passare mai, a dispetto di tutte le belle parole che uno può trovare.

37 Comments

  1. Come ho trovato scritto su blog altrui:

    Non può piovere per sempre, altrimenti sarebbe Blade Runner

    Noto comunque che il periodo è nero per tutti…

  2. “Passerà questa pioggia sottile come passa il dolore”, anche se oggi ti sembra impossibile e anche se oggi non serve a niente dirtelo.

    serpe

  3. stamattina però è di nuovo sereno. e da te? 🙂

    Tambu

  4. magari il 10 aprile sarà sereno.

    (magari!!)

  5. gia e se vai all’hotel supramonte e guardi il cielo….ma dove dove è il tuo cuore…ma dove è finito il tuo amore….grazie al cielo ho una bocca per bere e non è poco….comunque hai ragione essere fatalmente egoisti è un modo per tirare avanti…a presto Panz

  6. torgul: ehehe, gran bella frase. Come dire che Deckard incontra il Corvo.

    serpe: non serve a niente dirlo a me, comunque. Io sono solo uno spettatore, stavolta. Certe volte va che non mi faccio gli affari miei, e ne scrivo pure, a modo mio.

    tambu: boh, ho ancora le tapparelle abbassate, mo’ apro e guardo…

    stefanone: ah, la buttiamo in politica, eh? massì, anche quello può portare un po’ di sereno, in fondo…

    panz: eh, ma io De André mica lo conosco. Certe volte va che il fulmine cade ma non ha il mio nome scritto sopra. Ma non per questo devo per forza ignorarlo. Che poi non abbia voglia di essere colpito anche io, beh, quello è solo un indotto istinto di autoconservazione…

  7. pessimismo e fastidio?

    da ne parliano il prox we

    De

  8. forse, ma in questo caso non è il mio pessimismo, né tanto meno il mio fastidio.

    stavolta sono solo osservatore e cronista, dalla torre d’avorio della mia consueta apatia.

    per essere chiaro:

    è una mia libera interpretazione di fatti e pensieri non miei, ma che ho osservato da vicino. fatti e pensieri che ho piegato, distorto e manipolato concedendomi numerose licenze poetiche, sempre che si possa usare questo aggettivo.

    fatti e pensieri che, per come li ho scritti, non sono da prendersi alla lettera. non la lettera A, comunque.

    Tutto chiaro, ora? no? eh, lo immaginavo….

  9. anche se non è il tuo pessimismo e il tuo fastidio, credo che in un periodo di merda (giusto per usare un francesismo) come questo, quel che hai scritto ci stia a pennello.

    Insomma, è un po’ che piove su troppe persone. Ci vorrebbe un ombrellone.

    Torgul: quella di Blade Runner è bellissima!

    Jana

  10. mah, Jana, non so. non so se queste quattro righe significano qualcosa per voi che le leggete. non so neppure se significano qualcosa per le persone a cui sono effettivamente dedicate. e, alla fine, non so neppure se significano qualcosa per me.

    non so un sacco di cose, e forse, alla fine, è anche giusto così…

  11. Per quel che riguarda quella missione di St. Andreas… consolati… ci ho messo una settimana buona. Il guaio è che non sempre il complice che il computer pensa di affidarti… è davverop affidabile. Questo è un coglione, per esempio.

    Kuntz

  12. ah, io poi ce l’ho fatta ieri, in totale ci avrò provato una decina di volte. poi ho capito che: 1) è meglio prendere prima le casse fuori, 2) ogni volta che senti degli spari, scendi dal muletto e ammazza i soldati, che l’altro è un incapace…

  13. Jana:

    Purtroppo non è mia…

    E’ una di quelle genialate che quando le trovi ti vorresti sparare nei coglioni per non averci pensato tu…

    Ma che farci, speriamo in tempi migliori!!

    Comunque, hardla, belin come scrivi bene cripticamente delle vite altrui, dovresti farci su un mestiere, tipo “Biografo cripticamente affascinante”

    Rischia che ci fai anche dei soldi…

  14. eh lo so, è stata una brutta partita, ma consoliamoci, l’anno prossimo sarà peggio.

  15. Bel testo, direi in pieno stile Giorgio Melazzi.

    E non dire che non c’entra perche` non ci credo.

    Ciao!

    Beppe

  16. Non posso sapere a chi sono rivolte, mi sono limitata a leggere il post senza sapere cosa c’era prima durante e dopo, come è ovvio e corretto, visto che non sono fatti miei. Comunque credo che Fabaer, il mio “filosofo”, abbia ragione

    serpe

  17. Grazie Andre,

    ora intravedo un raggio di sole

    Claudio

    ps

    vedi che se più bravo quando non scrivi cazzate !

    a domani

  18. torgul: eh, magari. sempre meglio che fare l’ingegnere. per ora mi sono cimentato solo come Biografo Volgarmente Stronzo, vedi la roba che ho scritto su Elena Santarelli.

    spassky: magari sarà lo stesso, chi può dirlo….

    mallibus: ma chi? il celebre doppiatore? l’ho dovuto cercare su guggol… allora più melillo, tanto per rimanere tra amici…

    serpe: no infatti, all’inizio pensavo d’essere stato tanto criptico da non essere stato capito neppure dai destinatari. su Faber non posso dire nulla, se l’hanno fatto a scuola ero addormentato… lo so, è grave per un genovese…

    claudio: continuo a pensare di avere un talento ancora poco espresso per le cazzate, ma in ‘sto periodo mi escono solo ‘ste robe. per il sole, invece, non posso fare nulla…

  19. No, secondo me non è grave: ci sono musicisti alrettanto gradi che io non conosco e che, per il poco che li consoco, non mi appassionano. Per fortuna la musica, l’arte e tutta quella roba lì lascia a ciascuno la libertà di percepirle a suo modo.

    serpe

  20. Gia` Melazzi il doppiatore nonche` monologhista di Zelig (l’anno scorso) quello che entra sul palco col cappottone nero e la musica di atmosfera…. vabbe`, l’ho visto solo io.

    Ciao!

    P.S. Melillo in effetti ce lo vedo bene…

  21. “Beauty is the eye of the beerholder” (Viz) e la pioggia, spesso, e’ nell’occhio di chi guarda.

  22. serpe: si, ok. ma quando lo dico in giro, la gente mi guarda strano lo stesso…

    mallibus: ah, no. me lo sono perso, non guardo Zelig da un po’…

    kutuzov: o nei capelli di chi se la prende in testa. io non posso che fidarmi di ciò che mi dicono gli interessati, è il prarametro di valutazione più affidabile. bella frase, però…

  23. Frase degna della rubrica Branson pick..le ma forse sarebbe meglio dire…IT LOOKS LIKE THE rusty sheriff’s badge, Ride along biffin bridge from John Wayne’s hairy saddlebags and there it lies, right in the middle of kak canyon . Just before you reach rump gully. (ROGER PROFANISAURUS)PANZ

  24. ahhaah la cosa che rende tutto grottesco è che la frase non appartiene al capolavoro “Blade Runner” ma ad un filmetto come “Il corvo” ebhè!

    comunque il post era suggestivo

  25. Satanine: Marijuana a pranzo?

    Sono stato io a citare BR e se ricontrolli, noterai (forse) un moto di ironia, dato che la frase è una battuta comica, magari non riuscitissima, e peraltro non mia, ma che dire, non può piovere per sempre, se no sarebbe Blade Runner

  26. Perfetto… sei un grande

    ma adesso ribellati allo schema imposto…

    e vivi la tua vita lontano dalla Famigghia

    baci

    Kuntz

  27. parto da Roma col diluvio e arrivo a Londra col sereno…

    a volte il meteo si fa beffa di ogni luogo comune…

    e il sereno lo trovi negli spazi (e nei momenti) più inaspettatati.

    davvero.

    non può piovere per sempre.

    o comunque non sempre e dovunque.

    trova il tuo angolo di sereno.

  28. e pensare che avevano previsto neve!!!

    Sadie (la-solita-minchiona)

  29. panz: ah. non trovo altro da dire…

    satanine: eh, in effetti non ho mai detto che la frase fosse da Blade Runner, ci mancherebbe altro…

    torgul: ma vedi che mi combini, fai solo confusione, tu! adesso mi prendono pure per ignorante. oh, non c’è mica nulla di male, ma fosse almeno per i motivi giusti…

    aleks: hai perfettamente ragione. tranne che non mi riferivo a familiari e affini. mi facevo pubblicamente i cazzi di altre persone…

    da0a10: grazie, comunque, ma non mi riferivo a me. guarda il commento 8.

    sadie: quella l’abbiamo beccata la settimana scorsa….

  30. ahah mica volevo esser polemica! comunque la frase di blade r è “…ho visto cose che voi umani non potreste immaginare: navi da combattimento in fiamme … come lacrime nella pioggia”etc etc, mentre il tormentone del filmaccio “il Corvo” era “non può piovere per sempre”.

    Non confondiamo la seta con gli stracci, tutto qui!

  31. Ehmm… veramente a me non è parso di vedere qualcuno confondere la seta con gli stracci.

    Hardla non ha mai detto che la frase fosse di Blade Runner, e Torgul ha semplicemente citato una battuta che ci stava da dio.

    Semmai c’è stato addirittura un crossover: “Come dire che Deckard incontra il Corvo”.

    Cosa vogliamo di più da una Hardla Tv?

    (accidenti fa pure rima!)

    Jana

  32. E’ che a volte, nevica pure….

  33. dico solo bottiglia da litro di cardhu…

  34. Allora, la smettiamo co ste menate da blog di quindicenni?!?!

    Quando tornano le sane stronzate al quale il buon HardlaTV ci ha così ben abituato?

    Chi se ne frega se piove o c’è il sole, tanto Bernacca non c’è più e gli altri non ci azzeccano mai!

    Fai così, esci di casa sempre coll’ombrello, così se piove puoi fare un post cazzone su quelli che si sono bagnati e tu no, e se non piove puoi fare un post sulle facce di quelli che ti vedono girare per via venti con l’ombrello aperto sotto i portici col sole…

  35. sa di bottiglia con la plastica,la pioggia.

  36. satanine: mi sa che continui a fare un po’ di confusione. leggiti tutti i commenti. in realtà ne basterebbero 4-5, ma non ho voglia di cercarli.

    jana: ecco, brava, diglielo tu. e magari perché non improvvisate una bella lotta nel fango?

    morgana: soprattutto quando vado a vedere le mostre a Brescia. Finora ha nevicato il 100% delle volte.

    dedee: dico solo che non dura….

    torgul: oh, oggi non avevo tempo per andare in via XX. se ti va bene ho fatto la Posta. Altrimenti aspetta la settimana prossima, qualcosa m’invento.

    finalmenteTrucida: parole sante. vorrei averle scritte io. Bel nick, comunque, ti ci è voluto molto per diventarla, trucida?

Rispondi

-->