Ottica fissa

| 24 commenti

Il mio… il mio… come cazzo si dice quando uno ti tiene un corso di fotografia? Insegnante? Professore? Docente? Boh, mi sembrano tutte poco corrette. Allora diciamo così: quello che tiene il corso di fotografia che frequento odia gli zoom.

Non ha motivazioni insensate, sia chiaro. Lo zoom è poco luminoso rispetto ad altre ottiche, e generalmente di minor qualità. Per lui lo zoom va bene per iniziare, per capire qual è il tuo campo di visione preferito sperimentando tutte le possibilità a tua disposizione. Poi, una volta capita la tua focale preferita, cacci lo zoom e ti compri una bella ottica fissa, dimenticando tutto il resto.

C’è chi è un grandangolo, chi un 50, chi un tele da ritratto e chi ama vedere i peli del naso della gente. E di solito la faccenda funziona. Da ragazzino mi piacevano i grossi teleobiettivi, per ragioni probabilmente falliche, oppure perché quando ti avvicini a una reflex hai in mente gente che maneggia cannoni che manco Bob Marley.

Ora mi vedo più grandangolo. E di questo ne sono piuttosto certo. Perché passando da un cellulare nokia all’iPhone il mio campo di visione hobbyistico-fotografico s’è ristretto di molto, e ci ho un po’ patito. Poi però ho scoperto migliaia di app con cui giocare a fare il fotografo e questo mi ha fatto dimenticare quasi del tutto la fotocamera del nokia. Ma ogni tanto, quando gioco a fare iPhoneografie, penso che un po’ più di angolo mi farebbe proprio piacere.

Per la reflex, idem. Utilizzo spesso il 18 (che con la conversione diventa 27). Quando m’è capitato di usare uno zoom 28-200 (e quindi 42-300), ero piuttosto nervoso. Mi mancavano tutte le focali inferiori. Vorrei provare robe estreme, tipo un 10, ma quei giocattoli viaggiano a 600-900 euro minimo, quindi mi sa che per un po’ mi terrò la voglia.

Però intanto ho scoperto d’essere grandangolo. Non ce l’avrò tanto lungo, ma vedo un sacco di cose. Sì, lo so, non suona benissimo. E voi come ce l’avete?

24 Comments

  1. in effetti la foto che hai linkato è quella di un binocolo. a te non importa nemmeno scattare fotografie!

  2. Un corso di fotografia?!? TU?!?

    Non ne hai bisogno!

    Io penso che sarei un 100 o giù di lì, se lo avessi.
    Uso sempre un luminoso 50 e spesso vorrei "andare più vicino", quindi monto un duplicatore di focale che mi salva dal peso e ingombro del 70-210.
    Il 28 l'ho riscoperto a Roma, sennò col cavolo che riuscivo a inquadrarlo tutto…

    …ma poi sono tornata al 50!

    Buon anno, visto che per gli auguri di Natale è tardi.

  3. ma certo che ne ho bisogno, eccome!
    io basculo ancora tra il 18 e il 70, a volte magari mi servirebbe un 100, ma se faccio un conto delle inquadratore il 18 vince a mani basse
    un bel grandangolo fisso mi intrigherebbe…

  4. Il mio corso di fotografia sarebbe sicuramente più interessante se a tenerlo fossi tu 🙁
    Che pacco
    Università popolare anche tu?
    Blixxxa

  5. se avessi il tempo lo farei anch'io un bel corso di fotografia…. ma non penso che ne tengano ancora per dinosauri di fabbricazione sovietica… 🙂

  6. @blixxxa: no, Pilli mi ha trovato un fotografo che incontra parecchio i miei gusti e il mio stile, a Torino. faccio il pendolare una sera alla settimana e finora mi piace molto!

    @dedee: in realtà credo che i corsi siano "a prescindere", in fondo tempi e diaframmi sono uguali su reflex analogiche o digitali, giapponesi o russe…

  7. @blixxxa-bis: deve comunque essere bello noioso il tuo corso, che cosa non ti piace? cosa ti aspettavi?

  8. Allora, la prof. è una fotografa amatoriale, ma fin qui nulla da dire. Il difetto proncipale del corso, secondo me, è: troppa teoria e poca pratica. Per il momento stiamo esplorando i concetti base della fotografia (tempi, diaframmi, luce…), ma a parte scorrere i lucidi e vedere qualche foto più o meno note non è che si faccia granché altro.
    Ma forse sono solo io impaziente
    Blixxxa

  9. io avrei bisogno di un'infornata di tecnica di base, ho sempre fatto tutto da solo, ma ho deciso di fregarmene. questo corso salta tutta la parte teorica e parte dagli stili personali dei fotografi.
    poi faremo 3 uscite (2 pomeridiane e una serale con foto in notturna), sono molto curioso di questa parte più pratica e anche un po' spaventato dalle sessioni di analisi successive

  10. Devo dire che sei migliorato negli anni quando ho visto la foto del post ho avuto un flash… mi sembrava uno screenshot di qualche film di Neill Blomkamp… per una attimo la macchina fotografica con cavalletto  mi sembrava un robottino tipo Cylon… ma in questo periodo vedo Cylon dapertutto… 😉

  11. Di Galactica ho visto solo la serie originale, quella con Sberla dell'A-Team.  In che senso sono migliorato negli anni? Ti sei spulciato quell'altro blog delle foto al cellualare?

    La differenza tra le prime e le ultime è che le prime non erano per nulla ritoccate, uscivano così dal nokia. Adesso invece l'iphone ha un sacco di applicazioni di foto ritocco e a me piace un casino giocarci. Questa foto è molto fotoritoccata!

  12. Alla tua domanda si potrebbe rispondere come Bossi, ma si andrebbe fuori tema sicuramente.
    Da qualche tempo mi sono parcheggiato tra due zoom: 10-20 e 18-200 con cui riesco a fare tutto senza portare con me in viaggio troppi vetri.
    Inizio a concordare che sarebbe pero' meglio un paio di focali fisse…se sono riuscissi a superare il trauma da astinenza da zoom.

  13. a me sembra che tu sia decisamente votato al grandangolo, se poi hai una macchina full frame il 10-20 deve dare degli angoli di visione mostruosi (a 10 anche delle discrete distrosioni fisheye!)

  14. @hardla: non sai che i Micronauti esistono prima dei telefoni cellulari? No io parlo delle prime foto (avevi una reflex?) ciao.

  15. sì, ma quali prime foto?
    fammi un esempio!

  16. Boh, quelle di tanti anni fa, prima di Vienna quelle di Vienna erano già belle, le avevi messe in rete, poi le hai tolte? mi ricordo di aver usato una tua foto di un tramonto per qualche momento come wallpper e pensa che io nn sopporto di avere il wallpaper… uso le configurazioni standard solitamente…
    Cmq è già passato un mucchio di anni…

  17. Vienna, ma allora ci conosciamo?
    chi sei?

  18. Miii ma come nn mi conosci? Lo davo per scontato! Ah, ah, ah
    Ma nn ti avevo che usavo Micronaut come pseudonimo?…
    è quasi divertente… 🙂
    Però adesso nn te lo dico subito… vediamo se ci arrivi da solo…
    ti ho dato un indicazione fin tropo chiara qualche commento fa…
    trova chi è un cylon tra i tuoi amici e mi hai trovato… 😉

  19. l'angoscia dell'incertezza non è durata molto eh? che poi ci vedessimo tutti i giorni…., sarà qualche anno che non ci beccavamo!

  20. In effetti… ma cose è stato er fato, il destino?(saranno almeno un paio di anni che nn ti incontravo)… almeno hai capito perchè ti dicevo di cercare un cylon tra i tuoi amici? E poteva andare peggio… beccati sta incredibile chicca da Micronaut e medita…

    http://myroommatethecylon.com/

    Occhio ai Cylons! 😉

    N.B. In sto periodo ho finito di guardare Caprica.

  21. adesso l'ho capito!
    a meil filone galactica manca totalmente. in questo periodo non sto seguendo molto la tv, ma quando riprenderò scaricherò le nuove serie di The Big Bang Theory (che immagino tu conosca, altrimenti corri subito su emule!) e The Office (versione US).

  22. W Sheldon… always… 😉

Rispondi

-->