Minchionando coi Robottoni

| 69 commenti

No eh. Questo non ve lo potete perdere, soprattutto se avete più di tot anni, dove tot è un numero qualsiasi che indica un’età oltre la quale siete perfettamente in grado di rimpiangere quei bei vecchi tempi che in tivvì trasmettevano tanti robottoni. Se invece avete meno di tot anni, magari questo capolavoro non è che vi interesserà più di tanto, ma lo guarderete lo stesso, perché se ve lo propongo io vuol dire che è proprio una figata.

E una figata lo è davvero, perché in questa clip ci sono TUTTI i robottoni. E quando dico tutti intendo quasi tutti. Parecchi. I più famosi, diciamo. I Mazinga, Goldrake, Jeeg, le robottone tettone, Boss Robot e altri ancora, tutti insieme in un’orgia di viti, bulloni e lubrificanti. No, detta così sembra una cosa porno.
Vabbè, combattono i cattivi. E una volta tanto, perdono. Fino a quando non arriva Mazinkaiser, il più fico, il più cattivo e forte di tutti quanti. Che poi è un nuovo Mazinga, fatto nel 2000 per una nuova serie di 8 puntate, realizzata apposta per noi squallidi nostalgici. E questa clip serviva per farci sbavare in attesa dei DVD. Operazione pienamente riuscita, peraltro, per quanto mi riguarda.
Buona settimana. E Lame Rotanti! a tutti.

AGGIORNAMENTO! IMPORTANTE! Scopro or ora nel commento #35 che è appena uscita in Giappone pure una nuova serie di Jeeg, ambientata 50 anni dopo le vicende della serie originale. Ma è uscita tipo qualche giorno fa, roba freschissima. E chi sono io per farmela scappare? Nella seconda parte del post c’è il filmato della sigla iniziale. Quindi cliccate questo cacchio di link, intesi?

Ma se ancora non v’è bastato, andate su YouTube o da qualche altra parte e cercate "KotetsuShin Jeeg", le prime due puntate sono già online, sempre che sappiate il Giappu. O che non v’importi il fatto di non saperlo.
Buon resto di settimana.
E che qualcuno mi lanci i componenti, perdìo!

69 Comments

  1. Azz… lo guarderò domani dal l.i.d.o. intanto che NON faccio la tesi, perché a 56k ci sto fino a domani.

    Mi hai fatto venire in mente quella puntata di Mazinga Z dove le tette/razzo esplosive di Afrodite A venivano sostituite con due tettone/razzo traente che Mazinga prendeva al volo con le mani per volare!!!! XD XD XD XD

    Poi dicono che da grande uno fa la tessera di Videoclub di salita del Fondaco…. =_=”

  2. Ma perchè i cattivi, anche se ne hanno l’occasione, non finiscono mai i buoni? C’era bisogno di incatenarla ad una croce? Che poi i robottoni buoni stentano proprio ad esplodere.. E poi vorrei sapere di che materiale sono fatti i vetri delle navette di comando?! Non ha mai pensato Vega di far mirare lì?

  3. in quanto donna sciocca e sentimentale da piccola non guardavo mai i robbottoni.

    tranne yattaman e il cosmopavone.

  4. I vetri devono esser fatti di qualche materiale indistruttibile, tipo quello delle scatole nere degli aerei di linea…

    …ma perché non fanno tutto l’aereo con quel materiale? ;D

  5. Io mi scoppiavo tutto. Anche Spank e Candy Candy.

    E il famigerato cartone di serie W “IPPOTOMMASO” !!!!!

  6. sei fenomenale, trovi delle cose che solo tu! 🙂

  7. Voglio ank’io le razzotette!

  8. FrySimpson: io questa puntata non la ricordo. e forse è per questo motivo che non ho la tessera di videoclub di salita del fondaco!

    secchin: ti poni troppe domande. certe verità le devi accogliere con fede e rassegnazione. che senso ha chiedersi “ma quante cazzo di moto ha sfasciato Hiroshi ogni volta che si lanciava da un dirupo per trasformarsi in Jeeg?”. Non riceverai mai risposta a domande del genere, e allora perché chiedere?

    StanzettaDegli Orrori: si, sei una donna sciocca e sentimentale, e non sai che cosa ti sei persa. ma probabilmente sei cresciuta meglio di noi.

    puntoeffimero: no, beh, le trovano pure gli altri. solo che magari se le tengono per loro, e non lo dicono mica in giro che ci sono perle così, su internient. sono tutti dei gran egoisti di merda.

    da4coni: e pensa quanto potrebbero esserti utili nel ballo!

  9. Cavoli, con i passi avanti che hanno fatto i disegni e l’animazione sarà una roba da urlo! Comunque Neo Genesis Evangelion ha cambiatoper sempre il modo di disegnare i robot: invece che dei vecchi carcassoni con le gambe a colonna ora sono molto più agili e snelli.

    A casa mia arriverà di sicuro tramite mio fratello…

    p.s. sono riuscita a rimpicciolire i video!!!

  10. no, non t’aspettare nulla del genere. è sicuramente rinnovata la tecnica, ma lo stile è molto simile a quello degli anni ’70. com’è giusto che sia, poi! tranne solo i riferimenti sessuali, che sono ora molto più palesi.

    comunque se eri affezionata a mazinga, dacci un’occhiata, secondo me non ti delude.

  11. cazzo l’ho visto!!!!

    😮

    :-O

    °___°

    lo voglio, lo voglio, LO VOGLIOOO!OO!O!O!!O!!!!

    VIVA IL GRAN MAESTRO GO NAGAI !!!!!!

    aaaaarrrghhh!!!! Nessuna VHS di salita del Fondaco mi ha mai sballato come questa clip!!!!

    Un mega cross-over con Mazinga che fa il culo al cattivo di Jeeg!!!

    Il tutto con la stupenda sigla italiana (non era ancora arrivato il medioevo di Cri(s)tina D’Avena!!!) di Mazinga Z in versione millennium remix!!!!! Con Afrodite A crocifissa…

    Mi fa venire in mente la sigla di B16 che avevo scritto sulla musica di Mazinga Z (naturalmente col titolo di Ratzinga Z)

    Sto a rota!!! LO VOGLIO INTERO!!! VOGLIO IL DVD!!!!!!!!!

    Noto con piacere che l’ingegneria cyber-genetica è riuscita a fornire la versione 2.0 di Afrodite A (o si chiamerà Afrodite B? Questo è un problema ontologico stuzzicante… gli dedicherò un’appendice sulla mia tesi sulle ontologie informatiche) di razzotette autorigenerantesi tipo coda di lucertola.

    Che la release 1.0 aveva solo 2 colpi da sparare, e -manco a dirlo- rimaneva senza nel momento cruciale.

    Questo succede a voler giocare a far la guerra con un robot costruito per scopi geologici!!! Pfiù… le donne!

    E il robot sfigato dei tre sfigati fatto coi tubi dell’aspirapolvere…

    …c’è anche lui!!! (L)

    Ma si trova il DVD???

    Non sto scherzando.

    Lo compro appena lo vedo.

    Grazie Hardla per la segnalazione MI-TI-CA!!! ^__^

    C’è un modo per scaricare ‘sto filmato?

    Intendo salvarne una copia sul mio PC.

    Ché per Google video e Youtube uso keepvid.com, ma per questo It doesn’t seem to work…

  12. questi sì che sono veri cult! 😀

    Altro che Frankenstein Jr… -.-

  13. Lo vedrò, lo vedrò sicuramente!

    Ti ricordo che mi innamorai di Aran Banjo da bimba! 😉

  14. Ecco perché la sigla italiana di Mazinga Z era mitica e non cagosa come quelle D’Aveniane!

    Ho appena scoperto che avevano italianizzato solo il testo lasciando la musica originale giapponese!!!

    Così si fa, cazzarola!!! 🙂

  15. FrySimpson: se vuoi io ho tutto, sia in divx che in DVD. Ho anche il filmatino che ho postato.

    All’epoca Cristina D’Avena era solo un bagliore negli occhi di un dirigente Fininvest malato. Per fortuna nessuna delle sigle storiche è stata rovinata dal suo piattume.

    maredidirac: Aran Banjio è stato una bambina? 😀

  16. Bellissimo!Cmque il mio preferito resta Goldrake.Mi ricordo che avevo il robot (alto una spanna e di gomma) sia di mazinga z sia di Goldrake, li facevo combattere ovunque:dalla terra dei vasi al lavandino,sopra lo schermo della tele……alla fine(cosa di cui mi pento davvero ancora oggi)ho pensato di immergerli nella vaschetta dei pesci rossi-dovevano combattere sott’acqua in mezzo ai pesci(poverelli!)-Ieri ho ascoltato varie sigle cartoon e devo dire che mi ha fatto ridere la canzone di “Lilli dei bon bon”-praticamente un allucinogeno-da lì, probabilmente, Venditti ha concepito la sua LILLI LILLI LILLI LILLI siringa,polizia……….

  17. Hardla:

    grazie, il filmatino postato me lo copierei volentieri.

    Il DVD, se non costa tantissimo, sarei disposto a comprarlo originale per premiare questa meritoria operazione nostalgia.

    Io ero innamorato platonicamente di Lady Oscar quando andavo alle elementari, e poi eroticamente di Creamy quando ero già abbastanza grandicello per quelle cose… ahem… =_=”‘

  18. Sai che non sei il primo, FrySimpson, a dire ‘sta cosa di Creamy? Pare che le calze un po’ scese facessero impazzire molti fanciulli… 😉

  19. maredidirac: sso’ comico, ‘nevvero?

    FrySimpson: io Lamù, ma era stata fatta apposta per suscitare queste reazioni, quindi tutto nella norma. Poi vabbè, la nonnina di Titti e Silvestro. Ma chi non ha mai sognato di possedere la nonna di Titti e Silvestro, dai…

  20. ah però da bambino provavo un forte innamoramento platonico per la bambina compagna di classe di Watta Takeo, in Trider G7…


  21. Certo che a parte qualche eccezione i protagonisti, ma soprattutto le protagoniste ,avevano degli occhioni che occupavano metà volto………perchè ?visto che disegnavano i giapponesi?A volte quelli che rispecchiavano davvero le fisionomie piu’ orientali erano cattivi o sfigati, sbaglio?………piccolo brack_:

    se fossi una regina

    sarei incoronata

    ma son contadinella

    mi tocca lavora’

    DO RE MI FA FA FA

    DO RE MI FA FA FA

    DO RE MI FA SOLA LA SI DO

    era una canzoncina con ballo delle elementari!Ma ora mi tocca lavora’ sul serio!

  22. invidia degli occhi tondi. come quella del pene ma con risvolti meno porno. i giappu sono complessati dal fatto d’avere occhi a mandorla e tutti gli stessi colori di occhi e capelli, tono più tono meno…

  23. siete veramente fantastici! sono passata accidentalmente nel tuo blog e mi sono incollata al monitor col mal di addominali dal ridere…..grazie al cielo c’è gente come voi,

    ciao ginevra

  24. ahhhhhhh, ecco perchè le donne giapponesi sono semplici, si accontentano di piccole cose!hi hi hi

  25. MareDiDirac:

    le calze un po’ scese mi sa che ce l’aveva nei panni di Yu prima della trasformazione in Creamy.

    Nei panni di Yu non mi diceva molto: non era sexy, troppo bambina. Invece nei panni di Creamy era adolescente, fisico sexy, e soprattutto quel che mi intrigava era il viso dolce e sexy contemporaneamente tutto truccato alla perfezione da vamp che manco Dalla Palma, con il suo bel rossetto, ombretto… il tutto in armonia di colori coi capelli viola! (L)

    In effetti le calze un po’ scese in un personaggio femminile di manga che sia sexy di per sé danno quel tocco in più… anche se a pensarle in una donna vera… la calza sminchia mi sa che farebbe più sciatto che altro! XD

    Eh… qui Freud ne avrebbe da dire!

    Ma siccome è morto sentirò cosa ne dice il mio psicoanalista (che ho avuto l’accortezza di scegliere fra i vivi 😛 )

    Una curiosità che proviene da tuo nick: sei anche tu ingegnere? (O matematica, o fisica, o… da dove viene il nick?)

  26. Ah… e poi in Creamy (ma anche in tutte i suoi cloni) la mi-ti-ca scena della trasformazione!

    Dove con la scusa che cambiano i vestiti intravvedi tette e culo!!! 😛

  27. Hardla:

    la comagna di Watta non la ricordavo, la nonnina di Silvestro la davo per scontata! ;D

  28. Trider G7 era quello per cui avevano avuto l’intelligentissima idea di integrarlo col parco giochi?

    A parte la comodità per le partenze improvvise, ma ti immagini le scritte e disegnini osceni che si ritroverebbe in faccia il povero robot?

  29. Simmy74:

    da una prospettiva meno psicoanalitica, gli occhioni servono a dare espressività a un volto disegnato con meno tratti rispetto ai canoni disneyani classici.

    Quantomeno così sosteneva la mia prof di educazione artistica, ma era un architetto… Mai fidarsi degli architetti! 😛

  30. 1. ok, lo confesso: non so più distinguere un robot dall’altro (venus a parte), se non dopo minuti di introspezione. lapidatemi.

    2. da piccola ero innamorata di aktarus. scusa ma dovevo dirlo.

    3. piccola parentesi di cultura giappo: i segnetti messi alla fine di ogni puntata ( >>’

  31. @FrySimpson:

    Hai ragione la calza scesa era di Yu, chiedo venia! La scena della trasformazione doveva proprio essere una roba meravigliosa per voi maschietti…a noi femminucce bastava vedere Capitan Harlock, con il suo nero mantello e la cicatrice sull’occhio per andare in brodo di giuggiole!

    Concordo: le calze scese in una donna vera stanno a significare che ha i gambaletti che, per definizione, sono antiormonali, soprattutto se color carne.

    Il mio nick deriva dai miei studi da fisico.

    Ciao 😉

  32. «[…] i gambaletti che, per definizione, sono antiormonali, soprattutto se color carne.»

    :lol:

    Straquoto!!!!!! ;D

  33. FrySimpson: proprio lui, quello pilotato da un bambino, che lo andavano a prendere a scuola in mezzo alle lezioni per portarlo nello spazio a salvare il mondo col robottone.

    Blixxxa: 1. ok, chi è senza peccato scagli la prima p1etra. NO FERMI, STAVO SCHERZANDO! NON HO DETTO GEOVA!

    2. kakkio da te non me l’aspettavo ke skrivessi con le kappa. actarus, se non s’era capito. 🙂

    3. essì, per lungo tempo mi sono chisto come si pronunciassero (che significassero “fine” l’avevo intuito), poi ho scoperto le droghe e ho smesso di chiedermi parecchie cose.

    maredidirac-fry: mah, non so mica. insomma una minigonna con le calze a metà coscia, beh, in certe occasioni e addosso a certe persone, abbigliate in una certa maniera, danno una certa aria di porcaggine. per certo.

  34. Quegli stessi robottoni rivisitati perdono della loro verve perchè si vuole esaltare la figura di Mazinkaiser.

    Queste rivisitazioni sono deliberatamente “antistoriche”.

    Tra un pò arriva anche la rivisitazione di Jeeg… dio ce ne scampi !

  35. Maddai? Belin è vero!

    Allora devo aggiornare il post. Grazie dell’informazione, probabilmente ‘sto nuovo Jeeg lo guarderò, ma l’operazione-Mazinkaiser mi sembra nettamente superiore.

  36. «insomma una minigonna con le calze a metà coscia, beh, in certe occasioni e addosso a certe persone, abbigliate in una certa maniera, danno una certa aria di porcaggine. per certo.»

    Belin!

    Autoreggenti a metà coscia ok al 1000 per 1000, ma noi si stava parlando di gambaletti cadenti sul polpaccio… non son proprio la stessa cosa =_=”‘

    (Specialmente se abbinati a una minigonna come nel caso tipico della manga-girl)

    «quello pilotato da un bambino, che lo andavano a prendere a scuola in mezzo alle lezioni per portarlo nello spazio a salvare il mondo col robottone.»

    È vero, me lo ricordo!!! Che spesso il vecchietto che lo andava a prendere (e che stava pagando la giacca a rate perché spendeva la pensione per pagare il carburante del robottone… Eh… come al solito lo Stato non fa il suo dovere e deve essere sostituito dal volontariato!!!) lo salvava dall’interrogazione per la quale era impreparato!!!

    QUANTO LO INVIDIAVO!!!

    Certe volte che a scuola ero particolarmente insofferente sognavo ad occhi aperti che mio nonno mi venisse a prendere con una scusa qualunque!!!! XD

  37. beh, ma perché lo stato doveva intervenire? la compagnia “Takeo General Company” era una ditta di trivellazioni minararie spaziali, o qualcosa del genere. ed era un’impresa strettamente privata.

    che però lavorava spesso per il ministero. infatti il ministro che gli procurava gli appalti era il nonno di Watta. e per qualche strano motivo Watta dava del lei al suo nonno ministro, forse per preservare la forma. siamo infatti di fronte ad uno dei più scandalosi casi di nepotismo, e trattandosi di nonno-nipote la parola è particolarmente azzeccata.

  38. Oddio… non ero così preparato sull’organigramma!

    Comunque intendevo che lo Stato doveva intervenire per difendersi dai cattivoni spaziali, invece di lasciare le missioni di peacekeeping nelle mani dei privati.

    Tornando a quell’altro discorso, un conto è l’effetto stimolo che fanno questo tipo di calze:

    Un altro è quello che fanno ‘sti cosi qui:

    che, anche nel caso in cui non siano color carne non è che siano ‘sta gran bellezza.

    Tipo… questa modella è obiettivamente una bella figliola:



    ma quei gambaletti se non ci fossero… sarebbe tanto di guadagnato!

    Immaginateli pure un po’ cadenti… -_-“‘

  39. Woooohhhhh!!!! 😮

    Visto anche Jeeg!!! :’-)

    eeehhh… Miitico!!!

  40. @Fry&Hardla: Devo confessarvi che il gambaletto, magari con disegni strani o colori improponibili, è comodo in primavera quando metti la scarpa carina ma non osi ancora il piede nudo…

    Basta toglierli sapientemente insieme al pantalone (MAI E POI MAI sotto una gonna, anche lunga!!!), in modo da non sconvolgere lo spettatore! 😉

    A proposito di Jeeg (parte ovviamente essere innamorata ANCHE di Hiroshi Shiba) le pallette magnetiche dei componenti sono uno dei motivi per cui ho scelto di studiare fisica…

  41. eh, avevo frainteso, mi manca la terminologia tecnica della calza….

    cioé praticamente hanno la consistenza di una calza o collant ma la lunghezza dei nostri calzini lunghi?

  42. Allora io vado in giro in versione decisamente anti stupro:gonna di jeans al ginocchio o poco sopra, calze (non proprio gambaletti, longuette:a metà fra gambaletto e autoreggente)si, ma di cotone(nere con pizzo finale, rosse di maglina lavorata, a strisce……… e chi piu’ ne ha piu’ ne metta perchè adoro le calze) e anfibi o stivali piu’ leggeri neri-senza tacco a lavoro-certo nn mi vesto SEMPRE così, ma spesso mi piace:la coscia è libera e fresca sotto la gonna, al max si vede il ginocchio, gli anfibi – o simili- t permettono di correrre, camminare, ballare, lavorare, comodissima.

    P.s. nn è vero che qsta calzatura fa puzzettare di piu’ il piedino-testato personalmente-certi sandaletti sono tremendi!Interessante come argomento, eh, maschietti?sembra di stare al tavolo con donne che si consultano sull’abbigliamento(cosa che odio,tanto mi vesto sempre a mio modo),certo, lo stile un po’ pippi calzelunghe(mitica prima bimba autonoma, indipendente e un po’ punk conanimali al seguito,forse dovro’ abbandonarlo, sono diventata grande………:D

  43. Esatto, Hardla! Sono proprio così i gambaletti…sei fortunato a non averne mai visto un paio, hai sempre avuto donne da autoreggente (per le quali è indispensabile la coscia di marmo per evitare l’effetto insaccato)?

    Bello partire con i robottoni e finire a parlar di calze!

    vorrei postare un’immagine nel commento, ma è un’altra delle cose che non ho ancora imparto a fare!

  44. si, in effetti ne arrivo da una pausa pranzo dove due amiche m’hanno trascinato per negozi di vestiti, da donna naturalmente, i negozi per uomini di solito sono dei tizi con impermeabile grigio all’angolo di un vicolo buio, al quale devi rivolgerti con la parola d’ordina convenuta “si fa freschino, eh?” e lui ti risponderà “speriamo si riprenda”. poi ti farà vedere un preziosissimo catalogo di vestiti maschili di contrabbando. fai il tuo ordine e la merce ti sarà recapitata di notte in un parcheggio deserto di un centro commerciale.

    per quanto riguarda le calze, non ho mai fatto caso a che tipo di calze le ragazze, in generale, indossino. mi preoccupo con grande fatica delle mie, figurarsi di quelle altrui.

    gambe e piedi in generale non mi stuzzicano granché…

  45. Mare di Dirac:

    Basta che dove vuoi che compaia l’immagine tu scriva:

    <img src=”http://vattelapesca.com/pippo.jpg” />

    dove ovviamente http:// etc va sostituito con l’indirizzo dell’immagine.

    Immagine che quindi deve essere già pubblicata su Internet.

    Se vuoi mettere una immagine che hai sul tuo PC ma che non è ancora pubblicata su Internet devi prima pubblicarla, per esempio su imageshack.us.

    Clicchi su “sfoglia”, selezioni l’immagine, clicchi su “host it!” e usi come indirizzo quello che ti compare nel box di testo “direct link to image”.

    🙂

  46. provo a fare come hai detto Fry…


  47. TOGO, funziona!

    Serve sempre conoscere gli ingegneri!

  48. 😉

    Bèh, quei gambaletti colorati “in stile calzino” sono quasi passabili se portati rigorosamente coi pantaloni.

  49. Sono carini ma, per i miei gusti, hanno disegni troppo seri…ho della roba optical da far venire il mal di mare!

  50. ops… vedo ora che il mio commento precedente è tagliato. riprovo:

    > > ‘ < (tsutsuku) non significa 'fine' ma continua...
    siamo pari con aktarus???

  51. eh. vedi che significa peccare di sicumera? si? beata te, io non so che significa “sicumera”. e non c’ho voglia di cercare sul dizionario….

  52. Mare di Dirac:

    Troppo seri? Quelli??? o_O

    Ho capito, quelli che usi tu devono essere di quelli che quando fanno la telepromozione in TV dico ma chi è che se li compra quei pugni in un occhio?

    Quelli tipo questa illusione ottica, che non riesci a guardarli senza avere la netta sensazione che i colori si stiano muovendo

  53. un altro ha sopra il disegno del marciapiede del lungomare di Rio de Janeiro, con onde in bianco e nero utilissime per imparare a ballare al samba!

  54. Ecco, appunto XD

    non si riesce a guardare senza soffrire di mal di mare! =_=”‘

  55. si, appunto. che poi non è lusinghiero neppure per te se la gente dice “guardavo le sue gambe e m’è venuto da vomitare”

  56. Il restyling è atroce…

    da corteo storico medioevale lo hanno disegnato!

  57. essì, non è un granché. non che quello precedente fosse più sobrio, a livello di colori, eh…

  58. Io non ci trovo niente di brutto nel restyling dei robottoni.

    Soprattutto confrontandolo coi cartoni di quando ero ragazzino (tipo Dr Slump e Arale) che hanno totalemente ridisegnato, cambiato i doppiatori, ma lasciando le storie identiche puntata per puntata.

    W Mazinkaiser!!! 🙂

  59. è una minchiata Superba, con la esse maiuscola.

  60. Ahahah!!! Superba… La Superba… ;D

    Lo sto scaricando con keepvid.com!

    Potrei farlo domani dal lab in 3 minuti scarsi, ma non posso aspettare. Lo faccio da qui mettendoci un’ora abbondante -_-

  61. Me ne avevano aprlato ma non credevo fosse così…COSI’ MERAVIGLIOSO!

    (io con Mazinger ci sono cresciuto).

  62. sissì, davvero notevole…

  63. E finalmente, dopo anni di attesa, ho trovato il famigerato episodio:

  64. Accidenti! Io non ricordo neppure che ho scritto 2 mesi fa.
    Hai notato che Mazinga corre come Arale?

  65. è vero, non ci avevo fatto caso! Però solo quando deve prendere al volo un paio di tette

  66. e comunque questo episodio avrebbe meritato di esser rivisitato in Mazinkaiser (Guerra e Benedizione su di Lui)

Rispondi

-->