Fratelli d’Italia e figli di Ferruccio

| 40 commenti

Ok, fratelli d’Italia, l’Italia s’è desta, l’elmo di Scipio, la chioma della Vittoria, la coorte, lo sappiamo tutti, no? Che adesso lo sanno perfino i calciatori della nazionale, dopo che per anni i giornalisti hanno spaccato i maroni a tutti perché nessun giocatore cantava l’inno. No, dico, rendiamoci conto: molti calciatori fanno fatica ad esprimersi in un italiano appena passabile e voi vorreste far imparare loro un inno zeppo di riferimenti mitologici e termini arcaici? Ma siete proprio bastardi!
Vabbé, ora lo cantano tutti, tranne Camoranesi che è argentino e quindi non gliene può fottere di meno, siete contenti adesso? Giornalisti buffoni.

Ma a parte la prima strofa, che abbiamo appurato che la sappiamo tutti, ora, vi siete mai spinti a leggere tutto l’inno? No perché non finisce mica qui, sapete? Ad esempio nellla seconda strofa Mameli fa un outing piuttosto imbarazzante, una roba che magari non è il caso di cantare prima di una partita importante, che uno poi cade in depressione, altro che darsi la carica: "Noi siamo da secoli / Calpesti, derisi, / Perché non siam popolo, / Perché siam divisi."

Ma, a mio avviso, il meglio si trova nella quarta strofa. La strofa ribattezzata, da me e dai miei amici, "quella di Ferruccio". Si perché, che ci crediate o no, nel nostro Inno Nazionale, si cantano le lodi di un tal Ferruccio. Che poi la sua storia sarebbe anche piuttosto interessante, a leggerla si scopre l’origine del termine "maramaldo", ma ogni volta che nell’Inno leggo "Ferruccio" non riesco a non sorridere.

Honduras FerruccioDall’Alpi a Sicilia
Dovunque è Legnano,
Ogn’uom di Ferruccio
Ha il core, ha la mano
,
I bimbi d’Italia
Si chiaman Balilla,
Il suon d’ogni squilla
I Vespri suonò.
Stringiamci a coorte
Siam pronti alla morte
L’Italia chiamò.


Sarà per questo motivo che, ogni volta che guardo una partita con altri amici coglioni quanto me, ci mettiamo in posizione come i giocatori dell’Honduras nelle figurine dei mondiali ’82 e cantiamo l’Inno Nazionale. Manco a dirlo interpretiamo con partecipazione e sentimento la strofa di Ferruccio.

Nella foto: Panz, Hardla, Dedee e Dria cantano l’Inno di Ferruccio (col testo davanti, naturalmente) in posizione "honduras" prima di una partita dei mondiali di Francia ’98.

40 Comments

  1. Oh, finalmente un riconoscimento al grande doppiatore Amendola!

    Pare in fatti che il Mameli Goffredo avesse scritto il primo jingle della Vernel. E da lì fosse nata l’amicizia fra i due.

    Tanto che il noto doppiatore, mentre lo scrittore di inni realizzava quello del Lieschtenstein, continuava a fargli la voce di Stallone chiedendogli: ADRIAAAANAAAA, ADRIANAAAA, METTIMI NELL’INNOOOO!

    Il Mameli, stufo delle insistenze dell’Amendola, lo infilò in una frae a caso dell’inno italiano, dopo che per l’ennesima volta si sentì ripetere, con la voce di Travis Bickle: “Stai parlando con me? Stai parlando con me?”

  2. Ogni volta che sento il nostro inno mi aspetto di veder comparire nell’ordine:

    un nano che corre spingendo un cerchio

    un pagliaccio col naso di gomma e i capelli verdi

    una foca col la palla sul naso

    una parata di pony con pennacchio

  3. quando ieri sera ho visto la nazionale mexicana in quella posizione mi è venuto da esclamare la strofa hard dell’inno:

    “Raccolgaci un’unica

    Bandiera, una speme:

    Di fonderci insieme

    Già l’ora suonò.”

  4. seaweeds: no per me era chiaramente riferito a Ferruccio Valcareggi, indimenticato CT della Nazionale di Messico ’70, quella di Italia Germania 4-3. Anche perché l’inno nazionale serve solo per le partite di calcio…

    Pepissima: si, ma perché tu hai molta fantasia. io invece mi aspetto di veder comparire 11 ragazzotti tutti in piedi e in fila che quardano nel vuoto borbaottando qualcosa. Io ci prendo quasi sempre, tu invece?

    dedee: concetto per altro ribadito nella strofa dopo, proprio all’inizio:

    Uniamoci, amiamoci,

    l’Unione, e l’amore


    in cui oltre al concetto di amore libero, proprio dei fricchettoni di sinistra, ci sbatte uno spot elettorale per i comunisti…

  5. ah, già che ci sei, perchè non metti l’inno come sottofondo del blog? Adooooro le musichette di sottofondo!

  6. uhm, gran bella idea!

    ci penserò. nel frattempo però hai visto che puoi ascoltartelo tutte le volte che vuoi, basta cliccare play…

  7. si, uno si sbatte per far sentire a tutti una strofa sconosciuta dell’inno nazionale e nessuno lo considra, è avvilente…

  8. Dimmi di ferruccio

    siete mitici…

    ah info di servizio!

    Finalmente on-line sul mio blog KuntzTv la seconda puntata del serial “La Scomparsa”… che aspetti?

    Un bacione e notte!

    Kuntz

  9. Rubo la spiegzione da Wikipedia:

    Francesco Ferrucci (Firenze, 1489 – Gavinana, 3 agosto 1530) fu un condottiero militare italiano al servizio della Repubblica di Firenze.

    Le vicende che videro protagonista Ferrucci si svolsero durante l’Assedio di Firenze (12 ottobre 1529 – 12 agosto 1530), ad opera delle milizie imperiali di Carlo V, costituite però prevalentemente da italiani. Ferrucci divenne celebre per la strenua difesa che l’esercito della Repubblica Fiorentina, da lui guidato, oppose agli imperiali. Egli fu infine sconfitto da forze preponderanti a Gavinana, sulle colline pistoiesi, ferito e catturato il 3 agosto 1530. Nella stessa battaglia perse la vita il comandante dell’esercito imperiale, Filiberto di Chalon, principe d’Orange.

    Si narra che il condottiero, già gravemente malato e ferito, portato al cospetto di Fabrizio Maramaldo, un militare italiano al soldo dell’esercito imperiale, che lo uccise per vendicarsi delle numerose sconfitte e scherni da lui ricevuti, gli rivolse con disprezzo le parole: “Vile, tu uccidi un uomo morto”. Dieci giorni dopo questo evento Firenze si arrese agli imperiali e dovette accettare il rientro dei Medici.

    Il sacrificio di Ferrucci è diventato, in epoca risorgimentale, emblema del sentimento di orgoglio nazionale, e il nome del suo aggressore è divenuto, per antonomasia, sinonimo di “traditore”, “fellone”.

    Nella piazza centrale di Gavinana, oggi una frazione del comune di San Marcello Pistoiese, si può ammirare, da oltre un secolo, la statua equestre del condottiero fiorentino, opera dello scultore suo concittadino Emilio Gallori. Nell’agosto 1929, in vista del cinquecentenario della morte, fu acquistata e restaurata la casa ex Battistini nella Piazza principale di Gavinana, sulla cui soglia, secondo la tradizione, Ferrucci morì.

  10. play, no, ma davveeeero?

  11. che tristezza….

    l’inno d’italia mi da l’impressione di retaggio fascista…. è semplicemente assurdo che dia tale impressione….. questo fa pensare dove siamo andati a finire…

  12. dedee: giuuuro…

    faith86: sarà la storia del cane che si morde la coda, che il fascismo ha preso molte immagini dal patriottismo ottocentesco. come la storia del Balilla, ad esempio. che era settecentesca, in realtà, ma per essere finita nel nostro inno doveva essere di moda anche nell’ottocento.

  13. e lo dice vanessa…

    la mutanda mi stressa…

    za zara zza za

    e lo dice luigino

    casca sempre il calzino…

  14. poco patriottico, forse. ma molto orecchiabile, come inno.

    chiediamo a Renzo Arbore se cede i diritti alla sua Patria… mah… secondo me la Pompea paga di più…

  15. L’inno nazionale dovrebbe essere “Va’ pensiero”, non quella marcetta da circo orrida che ci ritroviamo.

    Io credevo che Ferruccio fosse quello del libro Cuore, e’ grave?

  16. Sono sempre io: Kv!

  17. Sara’ che mi confondevo con: “”Franti, tu uccidi tua madre!”. Tutti si voltarono a guardare Franti. E l’infame sorrise.”

    Cito a memoria dal libro Cuore, e’ grave?

  18. peccato che quei buzzurri della lega se ne siano appropriati del va pensiero! Comunque a me fa piacere vedere i calciatori che cantano, sulle qualità dell’inno non sono il più appropriato a giudicare, dato il mio proverbiale orecchio musicale!

  19. n.d.r. hai notato che ieri sera i giocatori del messico (e con loro tutti gli spettatori) hanno cantato l’inno in posizione “honduras”? e per poco non gli riesce il miracolo …

    Simsalabim

  20. hai ragione.. peccato che l’italia è stata unita da garibaldi e liberata dai partigiani.. l’inno dovrebbe ricordare ideali rossi!!

    e vabbè..

    comunque..

    volevo farti i complimenti per la sezione download!! grandiosa!!

    in particolare la sigla dei simpson è una delle cose più belle che abbia mai visto!! (la avevo vista a blob.. grazie mille per l’occasione di scaricarla!!)

    ti linko!! perchè hai un blog spaziale!! ;-DDD

  21. kutuzov: il libro Cuore non lo conosco. Però mi hai ricordato, per assonanza, “La sventurata rispose”, di Manzoniana memoria.

    dedee: boh. si ok può essere piacevole a vedersi, ma secondo me deve essere fatto con intenzione. non perché ai giornalisti è girato di sponsorizzare la cantatina pre-partita…

    simsalabim: si, l’avevo visto! e forse anche la Costarica l’ha fatto. con risultati abbastanza disastrosi, comunque…

    faith86: io mi accontenterei di un inno che ispiri un qualche tipo di orgoglio. una forma qualsiasi, anche alla cazzo.

    il nostro non lo fa. la musica è una marcetta ridicola, e il testo è imbottito di una retorica astrusa e lontana, culturalmente e semanticamente. insomma, è brutto…

    a dire il vero è da un po’ che non aggiorno l’area download, è che in questo periodo ho lo scazzo, ho caldo, non dormo di notte, le cavallette…

  22. Non poteva essere più esaustivo

    Lancio il comitato

    Ferruccio Anche Io!

  23. beh inno a parte (effetivamente non penso che a molti ne freghi ancora dell’elmo di scipio….)mi ha colpito la foto…belin sono passati 8 anni…sembravamo dei ragazzini…ora piu che altro sembriamo dei vecchi leoni sdentati…c’est la vie…e per oggi pomeriggio pronti per la posizoine honduras?!?!Hasta la panza siempre…Panz

  24. Sissì, a Firenze c’è pure una piazza a lui dedicata. E ci sono dei locali fighissimi, ma questo,- mi rendo conto – c’entra poco, anzi punto.

    Per il resto, il nostro inno è quanto di più brutto le mie orecchie abbiano mai ascoltato. E ce ne vuole.

  25. questa notte in Federation Square assumerò la posizione honduras e canterò la strofa di Ferruccio

  26. fatto, cantato da solo. mi sono sentito molto idiota, molto più del solito per intenderci…

  27. alekskuntz: ma tu hai il cuore o la mano di Ferruccio? no, perché la mano è anche piuttosto inquietante…

    panz: parla per te…

    juditta: potrebbe invece essere l’informazione più utile di tutto il post…

    dedee: ommioddio, l’inno reale mi ci mancava proprio. è anche parecchio d’attualità in ‘sti giorni…

    com’è andata la partita? contento d’aver evitato i supplementari?

  28. cantato in posa honduras, ma sono rimasto a casa, la prossima partita potremmo vedercela in skype, che ne dici? cosi’ almeno condividiamo il momento di idiozia!

    De

  29. Ho scoperto solo ora cos’è quella mano che è custodita gelosamente nella teca di cristallo in salotto!

    Pensa me lo chiedevo da quando avevo 3 anni!

  30. dedee: se la vedo a casa, volentieri. sempre che tu sia sveglio, che lì dovrebbe iniziare tipo alle 5 del mattino. per tua fortuna è sabato, però…

    aleks: e chissà che fine ha fatto il cuore…

  31. Bugo ne sa qualcosa…

    ma dalla TV non sei ancora passato vero?

    Bacioni!

  32. Dunque consiglio il Plasma. Se passate fate un fischio. 1-5-5-J-U-D-I

  33. alekskuntz: no, fatto ora, però… in ‘sti giorni c’ho lo scazzo…

    juditta: meglio gli LCD però, hanno risoluzioni più alte e sono HD-Ready…

  34. si c’è scritto verso la fine, è la posizione che quelli della mia generazione hanno potuto ammirare nelle figurine di Spagna ’82, nella squadra dell’Honduras.

    è la posizione con la mano sul cuore, ma non dritta, di taglio, che molte squadre sudamericane assumono durante l’esecuzione dell’inno.

    è parecchio buffa…

  35. Ma siete fantastici nella posizione Honduras!!

    Che poi ce n’è un’altra di difficile interpretazione etnica: è quella in cui alcuni si tengono “virtualmente” il cuore fra pollice e indice

    Jana

  36. boh, mi cogli impreparatissimo…

  37. Non si finisce mai di imparare 🙂

    Jana

Rispondi

-->