Cose che (non) mi mancheranno: 3 – I Risvegli Improvvisi

| 22 commenti

Lo so. Ogni famiglia ha una sua tradizione particolare per il diffusissimo Rito Del Risveglio Della Prole. E ogni famiglia si fa un vanto della propria capacità di inventare modi fantasiosi e particolarmente divertenti per mettere in pratica il suddetto Rito. E col trasferimento nella nuova casa so che scoprirò che anche chi vive per i fatti suoi può godere di Rituali di Risveglio progettati ad hoc per lui. Ma concentriamoci sul passato…

Un classico del risveglio, forse il campione di questo tipo di categoria, è l’aspirapolvere (o, in alternativa, la lucidatrice). E’ incredibile il numero di case in cui questo elettrodomestico viene utilizzato alle 8.30 del mattino. E’ ancora più incredibile il fatto che questo fenomeno si presenti solo nel weekend. Credo che ci sia un qualche tipo di correlazione tra la pulizia dei pavimenti, il fine settimana, le prime ore della mattinata, e la presenza di un qualche tipo di figlio/a addormentato a non più di 3 metri di distanza. Credo che tutti questi eventi possano portare a una congiunzione astrale che permetta di ottenere la mitica PPP (Prefetta Pulizia dei Pavimenti), come del resto avevano già teorizzato i Templari.

Ma se l’aspirapolvere è un classico, credo che pochi possano vantare un padre con impellenti necessità di stampare classifiche di gare di ballo alle 8 del mattino. Naturalmente la presenza dell’unica stampante di casa a meno di 1 metro dall’orecchio dello scrivente, non ha mai fermato il suddetto genitore dall’ottenere le sue sacrosante copie di documenti così importanti, nel preciso orario in cui la sua fantasia glielo imponesse.

Al confronto, ricordo con malcelata nostalgia le nottate passate a sentirlo vincere campionati a Football Manager, sul mio vecchio Commodore64. Bei tempi.

22 Comments

  1. ebbè, quando le madri passano l’aspirapolvere al mattino presto nel fine settimana, mandano un sottile messaggio…

  2. le madri mandano sottili messaggi qualsiasi cosa facciano o non facciano, che abbiano figli o meno

  3. @marchesa: si, pure io supponevo fossero sottili messaggi. messaggi in codice morse: punto linea punto punto, sbam sbaaaaaaaam sbam sbam, colpi d’aspirapolvere (nel mio caso lucidatrice) sulla porta.
    e alla fine il messaggio, una volta decifrato, diceva "alzati stronzo".

    @fry: la questione ora è se a qualcuno frega di quei messaggi. abbastanza da alzarsi da letto, almeno…

  4. …alzarsi bestemmiando lo classificheresti come "mi frega" o "non mi frega" 😀

    che poi "non mi frega" vuol dire "non mi interessa", su questo la letteratura è unanime

    ma "mi frega" vuol dire "mi interessa" (come negazione di quanto sopra) o "non mi interessa"? su questo la letteratura è più confusa…

    …eh sono argomenti che richiederebbero il giusto approfondimento: una postazione al -1 del Dist, una tesi da trascurare, e banda larga da vendere…

  5. e comunque la gran parte delle volte la risposta (detta o non detta) ai sottili messaggi delle mamme unipare, multipare, o nullipare è sostanzialmente "vaffanculo!!!" e solitamente senza nemmeno il glitter

  6. uh.. uh..

    http://forum.wordreference.com/showthread.php?t=32405

    (eccheccazzo, prima che inserissero l’editor nei commenti non li trasformava automaticamente in link gli url?)

  7. Hai un padre in grado di utilizzare il Commodore 64!

    Sono commosso e ti invidio non poco.. 

  8. che carini questi inglesi che studiano il nostro idioma…

  9. l’aspirapolvere la domenica mattina alle 8!!! ah, quanti tragici ricordi hai risvegliato in me! io avevo anche l’alzata energica di tapparella alle 6,45 con annuncio a voce altissima di tutte le disgrazie testé riportate dal radiogiornale. adesso in compenso annovero, fra i Rituali ad hoc del vivere (più o meno) da sola, il gatto urlante, il gatto trombante, il gatto piangente, il gatto grattante porta. tre di questi si riuniscono in un gatto solo.
    auguri.

    k

  10. tieni un maschio non castrato e una femmina non sterilizzata in appartamento?

  11. eh sì, carini gli stranieri alle prese con lo slang… questo mi sa che l’han fregato su ebay, da come interpreto la frase italiese iniziale 😀

  12. @fry: sostituisci "a qualcuno frega" con "a qualcuno importa", intendevo quello. affascinante comunque la disquisizione inglese sui verbi italiani. credo che al 3-4 messaggio sia già abbastanza chiaro quanto sia un casino per uno straniero imparare la nostra lingua

    @k: sì, ho letto delle tue disavventure recenti. io al momento non mi sento di avere un gatto, ma sono sicuro che troverò altri fantastici modi per essere svegliato alle ore più curiose.

    @secchin: sì, all’epoca sapeva caricare quel gioco e giocarci. poi è migliorato, adesso passa, ore, giorni, settimane a masterizzare cd compilation di musica da ballo

  13. io ho sempre avuto un vantaggio, a me il rumore dell’aspirapolvere o della lucidatrice concilia il sonno (un retaggio dell’infanzia), quindi tali trucchi non hanno mai funzionato con me! La cucina era troppo distante dalla mia camera da letto per essere svegliato dalla grazia con cui mia madre svuotava la lavastoviglie 🙂
    In compenso però, invecchiando, sono diventato di sonno molto leggero e, una volta sveglio, non riesco più a riaddormentarmi!

  14. io il sonno leggero l’ho sempre avuto. infatti il modo più efficace con cui mia madre mi svegliava (e non sono neppure sicuro che lo facesse apposta) è spostando le posate nel lavandino d’alluminio della cucina, per lavarle.

  15. sì, avevo capito cosa intendevi, si capiva dal contesto.

    la mia era una disquisizione linguistica "in generale"
    sarà capitato anche a te di sentire la fatidica domanda "e chi se ne frega?" riguardo a una cosa di cui ti importava, rispondere "IO!" come se la domanda fosse "e chi è interessato?" e sentirti controbattere: bene, se te ne freghi non vedo il problema 😀

    il guaio dell’italiano è la mancata assimilazione del concetto di doppia negazione che afferma, ohi che dolor nel mio booleano cuor!

  16. è per quello che si fa l’esame di teoria per la patente!

  17. lo vedi che quando vuoi mi segui!?

    l’esame di teoria della patente! Altra ecatombe logico-linguistica… Ma perché diavolo devono usare "ovvero" come sinonimo di "oppure"??? "Ovvero" significa "cioè", non "oppure"!!!

  18. Tanto di cappello a tuo padre che gioca a Football Manager. Per caso ha fatto lui la campagna acquisti del Genoa di quest’anno ?

  19. beh per me la faccenda era molto più esplicita, per svegliarmi mia madre mi cantava dritto nelle orecchie robe del tipo "svegliatevi fanciulle al primo sole, è primavera è primavera"…oppure metteva su canzoni cult del tipo "zoccole zoccole zoccole" (quella di scugnizzi) per accompagnare con discrezione le faccende domestiche…odiosa 😀

    simpatico il post,cmq 🙂
    ciao!

  20. @ipitagorici: mah, no, altrimenti ci sarebbero stati ian rush e peter shilton. football manager era del commodore 64, anni ’80….

    @ErreSiRapi: eh sì, nel tuo caso non c’erano molti sottintesi. potevi rispondere col classico "vaffanculo" di masini.

  21. secondo me shilton la sua porca figura la farebbe

Rispondi

-->