| 5 commenti

 Io non parlo il dialetto, a parte la cocina (oramai sempe piu strascicata causa sto veneto maledetto) e a qualche parola che qua e la che si incunea prepotente nel discorso..

Ma ogni tanto è un piacere leggere e sentire alcune poesie che riportano ad un tempo che pramai non esiste piu…come un refrain di qualche pezzo swing, alla natalino otto, tanto per stare in patria..eccone una che si intona bene con il post precedente del prode Hardla…e se qualcuno la volesse sentire recitata dalla volonghi ecco il link..http://www.zeneize.net/firpu/firpu.html

aprite le casse  che passa il grifo…Panz

Gh’é d’a gente insciaa costa de San Zorzu
che a runpe a tæra á forsa de sufrî;
inscee cadense lente d’a fadiga
anche e muntágne pán schenn-e chinæ.
Á l’inpruvizu yn ventixœ u l’ariva
festuzu, allegru cumme ‘n can da caccia
e rammi e fiuri e erbe u fa mesciâ.
Pâ ch’u segge vegnŷu á cunfurtâ
e, cumme á Cristu, pe sciygâghe a faccia,
ma lû però cuntínnuan á sapâ.

Da li á’n pitin u turdu canpagnollu
u l’é insce l’armurin á garlezâ
pe l’âia se ne van e ghirlandette
d’u so floutin de paggia:
finîu u barbaxu (1),
cumme tiòu da’n fîu (2)
u sparísce spedîu int’a buscaggia.

Nu l’han mancu sentîu;
cumme fŷsan (3) sens’uêge e sensa vista,
chinæ insciaa tæra dŷa duve picca
au stessu moddu a vitta cumme a morte,
calandu a nœtte, cuntínnuan á sapâ.

1 "barbau"
2 ""
3 Int’u tèstu se leze "fossan",
a furma ciy viâxa a duviéiva ese "fuîsan" o "fîsan".

5 Comments

  1. e forse forse anche io sono di San Zorzu…e voi???

    Pansi

  2. a l’e’ propiu bella

  3. Beretin, che bello trovare o’ zeneize in giro 😀 Sì,la citazione è da ultime dal cielo…ti sono scaduta, vero? o_O

  4. Non scherziamo, conosco telefilm molto peggiori. Sono un’autorità in materia.

  5. Il mio genovese da gabibbo di seconda generazione e mezza è piuttosto scarso, ho fatto un po’ fatica a tradurre….

Rispondi

-->